Come lo facciamo
Come lo facciamo - Taverna Neapolis
40: a' taverna, 25: o' presepio

Come l’arte presepiale napoletana anche l’arte gastronomica è lontana nei tempi ed il nostro intento è coniugare entrambe nella maniera più tradizionale ed armonica possibile.

Il nostro “fare” è, quindi, rivisitare e riproporre il panorama gastronomico napoletano in piena armonia reale, comm’ a nu presepio.

La nostra tipicità è, perciò, tutta intramoenia . . . tutto tra le mura, tra le nostre mura ed oltre

La tipologia dell’atmosfera di NeAPOLIs è tipica come la cucina di strada che vìola apertamente molte delle regole di “casa” e, perciò, delle mura.

Il consumo diventa al tempo stesso un fatto privato (spesso si consuma da soli, contrariamente a quando si va al classico, schematico e mònotono ristorante) ed un evento pubblico, perché avviene in ambiente allegro, vivo e coinvolgente come fosse legato alla collettività.

Si può esser da soli e insieme allo stesso tempo e ciò crea un’atmosfera di complicità tra gli avventori, per cui sovente si scambiano due parole, una battuta, perché la situazione induce un senso di confidenza non comune.

Chi ama, viceversa, la tranquillità personale ed al momento stesso la voglia di ampliare le proprie conoscenze, può disporre delle pubblicazioni presenti nella sale e ricche di nozioni storiche, artistiche, culturali, turistiche ed, ovviamente, gastronomiche del nostro ex Regno.

Insomma, come detto, Qualità in Quantità.

Lo chef consiglia